Nel mondo dell’etica…

Made with Padlet
Annunci

Il capitale naturale – PresaDiretta Rai Tre

“Un tesoro inestimabile che va protetto perché custodisce tutto quello che ci serve per vivere: l’acqua, l’aria, la terra, la biodiversità.
Un patrimonio fragile però, aggredito dal riscaldamento globale e dai cambiamenti climatici che ormai sono sotto gli occhi di tutti e ci riguardano sempre più da vicino.
A SELRES_262df751-c5ea-4356-b24b-b33588731149SELRES_ba04dc33-b498-4b2e-ae5a-b451adadda52SELRES_a4087db4-8741-44c9-9c2b-57dd6cd8dfb6PresaDirettaSELRES_a4087db4-8741-44c9-9c2b-57dd6cd8dfb6SELRES_ba04dc33-b498-4b2e-ae5a-b451adadda52SELRES_262df751-c5ea-4356-b24b-b33588731149 l’allarme degli scienziati e le risposte della politica con il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.
Le telecamere di PresaDiretta hanno attraversato da nord a sud i Parchi e le Aree protette del paese, che rappresentano un decimo del nostro territorio, molto di più della media delle altre nazioni europee. Hanno scoperto luoghi unici e di inestimabile bellezza, come le foreste Casentinesi, il Parco dello Stelvio, il Parco della Majella, l’arcipelago della Maddalena.
Un patrimonio naturale unico ma a rischio.
I ghiacciai alpini che scompaiono, uno dopo l’altro e la siccità di questa estate che ha prosciugato fiumi, laghi e ha portato ai minimi storici le nostre riserve idriche.  Gli incendi che hanno distrutto più di 130mila ettari del nostro territorio, in buona parte proprio all’interno di aree protette. L’inquinamento della terra, dell’aria e dell’acqua, la cementificazione, le leggi sbagliate e gli interessi privati.
Ma tutto questo può cambiare, un’inversione di rotta è a portata di mano.

“IL CAPITALE NATURALE”, è  un racconto di Riccardo Iacona con la collaborazione di Marco Piazza, Alessandro Macina, Antonella Bottini,Raffaella Notariale, Marcello Brecciaroli, Rebecca Samonà, Massimiliano Torchia, Andrea Vignali”.

MAIELLA TERRA DEI LUPI – PresaDiretta

#appuntidiviaggio_Venezia

Il video è stato realizzato dagli studenti della classe 3F del Liceo Scientifico “G. Galilei” di Pescara, dopo il viaggio di istruzione a Venezia (20-23 aprile 2017), secondo la forma dello “storytelling” – una strategia didattico-pedagogica che utilizza la “narrazione” non solo per incoraggiare il processo (meta)riflessivo su eventi vissuti, ma anche per focalizzare ed esprimere in modo più efficace le emozioni provate e condivise, al fine di connettere esperienze di vita, pensiero e cultura, promuovere processi dialogici di interazione riflessiva e situazioni di collaborazione, situando così l’apprendimento in contesti significativi.

 

 

#agoodyear – Galilei Pescara

Progetti didattici, educativi e formativi a.s. 2016/17 – Liceo Scientifico di Stato “G. Galilei” di Pescara. Un anno speciale reso possibile dalla passione di docenti e studenti, dal lavoro instancabile della segreteria, dalla disponibilità del personale Ata, dalle famiglie e, soprattutto, dell’appoggio incondizionato del Dirigente Scolastico, prof. Carlo Cappello… perché “non sono i singoli che fanno grande una comunità, ma l’insieme dei singoli sì”.

Progetto “Educazione alla Legalità: Alla ricerca di ciò che inferno non è” – Liceo Scientifico “G. Galilei” – Pescara – a.s. 2016-17

Si tratta di un Progetto d’istituto, del Liceo Scientifico “G. Galilei” di Pescara , che ha ormai una storia consolidata alle spalle, in quanto è cresciuto nel tempo ed è stato portato avanti NON da “navigatori solitari”, ma da un “NOI”. Infatti, Simonetta, Francesca ed io, Anna, ci lavoriamo da anni. Certo, ci sono stati momenti non sempre facili, ma è anche vero che, negli ultimi due anni, il progetto si è molto arricchito (il “noi” è diventato più grande, è lievitato), grazie al sostegno appassionato e convinto del nostro Dirigente scolastico, Carlo Cappello, al bellissimo “lavoro di squadra” con i colleghi (Alfredo, Loredana, Patrizia, Rita, Ughetta) e con Anna e Antonella (della segreteria del nostro Liceo), e soprattutto grazie alla stretta collaborazione intessuta con l’associazione Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, fondata da don Luigi Ciotti, e don Giorgio Moriconi, referente regionale di Libera Abruzzo.
Come insegnanti crediamo fermamente nell’importanza di spenderci – non solo con le parole, ma con l’accoglienza, l’ascolto, il dialogo e soprattutto con l’esempio – per la “formazione integrale della persona” di questi ragazzi che ci sono stati affidati e che saranno i cittadini/gli adulti di domani, perché la loro vita, arricchita da queste esperienze così significative, possa essere impiegata per costruire un “mondo migliore” di quello che noi stiamo lasciando loro!!!!!!!

sintesi del Progetto:

Alla ricerca di... "ciò che inferno non è"

 

IMG_20170606_185554.jpg
uno dei momenti della manifestazione conclusiva del Progetto (6 giugno 2017)

“Vi auguro di essere eretici perché eresia dal greco significa scelta. Eretico è la persona che sceglie. L’eretico è colui che più della verità ama la ricerca della verità. L’eresia dei fatti prima di quella delle parole. L’eresia che sta nell’etica prima che nei discorsi. L’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità, dell’impegno. Oggi è eretico chi mette la propria libertà al servizio degli altri, chi impegna la propria libertà per chi ancora libero non è. Eretico è colui che non si accontenta dei saperi di seconda mano, chi studia chi approfondisce chi si mette in gioco in quello che fa chi crede che solo nel l’si possa trovare una realizzazione. Chi si ribella al sonno delle coscienze, chi non si rassegna alle ingiustizie, chi non pensa che la povertà sia una fatalità. Chi non cede alla tentazione del cinismo e dell’indifferenza che sono le malattie spirituali della nostra epoca” (don Luigi Ciotti).